banner mostra Oreste Casalini

Oreste Casalini: Epicentro

banner mostra Oreste Casalini

Esposizione temporanea a cura di
Andrea Bruciati, Davide Bertolini, Maura Picciau, Maria Sole Cardulli

15 luglio – 5 novembre 2023
14 luglio inaugurazione h. 17.30

Santuario di Ercole Vincitore
Tivoli

 

La mostra, promossa dalla Direzione generale Musei del Ministero della Cultura e organizzata dall’Istituto autonomo Villa Adriana e Villa d’Este – VILLÆ, rende omaggio a Oreste Casalini (Napoli, 1962- 2020) a tre anni dalla prematura scomparsa.

Il progetto tende a valorizzare un’esperienza artistica significativa nell’ambito della continua attività dell’Istituto volta a sondare la contemporaneità in chiave artistica.

Il percorso espositivo è allestito tra esterno e interno negli spazi del Santuario di Ercole Vincitore e propone una selezione di lavori realizzati su diversi medium per dare la misura della complessa produzione dell’artista fatta di opere scultoree, pittoriche e grafiche che si accostano spesso all’espressione architettonica.

Il linguaggio di Casalini ha attinto liberamente alle Avanguardie storiche del ‘900 e si è confrontato spesso con la “monumentalità”. Le sue figure – massicce, materiche e imponenti – sono spesso senza volto, riecheggiano i manichini metafisici e le maschere delle civiltà di interesse etnologico.

La mostra propone dunque un approfondimento in chiave retrospettiva di una ricerca artistica che si è confrontata con la memoria, il ricordo e l’archetipo, riflettendo sulla natura dell’uomo e sulla valenza etica e civile dell’arte.

Nel percorso espositivo svolge un ruolo chiave Epicentro progetto artistico presentato alla 52a Biennale di Architettura di Venezia e realizzato in seguito al sisma del 2009 che ha devastato L’Aquila. Il progetto si basa sulla tragica esperienza ma sonda la dimensione nuova e diversa dello spazio che si misura con l’umanità piegata dalla tragedia ma proiettata in un continuo divenire: epicentro dunque come sintesi di una parabola umana e artistica dove l’arte incarna un’istanza civile, etica e morale.

 

Ente organizzatore Istituto Villa Adriana e Villa d’Este -VILLÆ
a cura di:
Andrea Bruciati, Davide Bertolini, Maura Picciau, Maria Sole Cardulli

Contatti: villaexhibitions@cultura.gov.it


EXTRAVILLAE metamorfosi in bellezza

Al via EXTRAVILLÆ: Un’immersione nella bellezza

EXTRAVILLAE metamorfosi in bellezza

AL VIA EXTRAVILLÆ:

UN’ IMMERSIONE NELLA BELLEZZA

Domenica 16 luglio inaugura la manifestazione estiva che tingerà le notti di Tivoli di atmosfere magiche e sorprendenti. Villa d’Este, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e capolavoro di architettura italiana, si prepara ad accogliere la prima edizione del festival EXTRAVILLÆ, Metamorfosi in bellezza dal 16 al 29 luglio, con il suo ricco programma di cinema, proiezioni a tema ed ospiti d’eccezione, ma anche eventi speciali, performance e serate di musica ed immagini.

La rassegna inaugura con un attesissimo happening artistico e sensoriale, realizzato in collaborazione con il Festival Videocittà di Roma e con l'amichevole collaborazione dell'Associazione Patriarchi della Natura. L’artista Quayola, considerato uno dei più importanti esponenti della media-art a livello internazionale, si esibirà in un concerto audiovisivo unico nel suo genere, accompagnando lo spettatore, dalle prime luci del tramonto fino a notte fonda, in un viaggio multisensoriale tra giochi d’acqua ed alberi secolari, esclusivi dj set e labirinti di street food nel parco. Transient è un concerto audiovisivo di Quayola/Seta per un duetto di pianoforti motorizzati e proiezioni video. Un'improvvisazione in tempo reale, estemporanea, in cui gli artisti collaborano con algoritmi complessi per generare composizioni in labile equilibrio tra componente antropica e tecnologica. Solo per una notte, gli splendidi giardini di Villa d’Este si tingeranno di atmosfere oniriche e forme in divenire, regalando al pubblico un’esperienza irripetibile.

Il palco di EXTRAVILLÆ ospiterà, in collaborazione con Roma Lazio Film Commission, alcuni nomi illustri del panorama cinematografico e audiovisivo italiano, che incontreranno il pubblico al calar del sole, in una conversazione live che toccherà il tema della bellezza in diverse forme, ripercorrendo la propria carriera, la propria storia personale e svelando i retroscena dei loro film, amatissimi dal pubblico. Sabato 22 luglio una serata dedicata all’audiovisivo in collaborazione con RAI Fiction e con la partecipazione di Vanessa Scalera e Massimiliano Gallo, interpreti della fiction di successo IMMA TATARANNI – SOSTITUTO PROCURATORE e del film FILUMENA MARTURANO, tratto dalla celebre commedia di Eduardo De Filippo, che si racconteranno al pubblico di Tivoli; domenica 23 luglio è la volta di Elena Sofia Ricci, attrice poliedrica e acclamata dal pubblico che, in dialogo con il giornalista e critico Federico Pontiggia, ripercorrerà le tappe salienti della sua carriera e della sua vita; ancora, i registi pluripremiati Michele Placido e Pupi Avati saranno nel chiostro della Villa per parlare di bellezza e di arte italiana giovedì 27 e venerdì 28 luglio; in questa occasione presenteranno i film DANTE, che mette in scena alcuni episodi della “Divina Commedia” in modo inedito e sorprendente e L’OMBRA DI CARAVAGGIO, che racconta magistralmente la storia del geniale e sovversivo artista.

La musica sarà ancora protagonista di EXTRAVILLÆ, grazie alla partecipazione dell’Orchestra Giovanile di Jazz di Roma della Scuola Popolare di Musica di Testaccio che, diretta dal Maestro Mario Raja, venerdì 21 luglio eseguirà in esclusiva per il pubblico di Tivoli una sonorizzazione dal vivo delle musiche originali del film L’INFERNO (1911), proiettato in contemporanea nel suggestivo chiostro

di Villa d’Este. Pietra miliare della cinematografia italiana, nel cinema muto degli anni dieci, il film L’INFERNO detiene i primati di massima espressione culturale e di lunghezza (più di 1000 metri di pellicola) e non solo. È il film più costoso mai realizzato dal cinema italiano; la sua produzione viene accompagnata da una poderosa campagna pubblicitaria e le prime proiezioni avvengono nel tripudio di città imbandierate di tricolori. Grazie alla performance dell’Orchestra, lo spettatore potrà così assistere ad una suggestiva performance di suoni e immagini, in un gioco di percezioni sensoriali dall’alto valore artistico.

Con EXTRAVILLÆ, inoltre, alcune pellicole internazionali premiate nei più importanti festival di cinema d’Europa approdano a Tivoli. Il tema della bellezza, nelle sue forme più imprevedibili, affascinanti e discordanti sarà il fil rouge di questa rassegna cinematografica di altissima qualità. Questi i prestigiosi titoli: CLOSE di Lukas Dhont, vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria di Cannes e nominato agli Oscar, TUTTA LA BELLEZZA E IL DOLORE di Laura Poitras, Leone d’oro alla 79° Mostra del Cinema di Venezia, TRIANGLE OF SADNESS di Ruben Östlund, vincitore della Palma d’Oro al 75° Festival di Cannes e BONES AND ALL di Luca Guadagnino, Leone d’Argento alla 79° Mostra del Cinema di Venezia. Il pubblico, inoltre, potrà godere della versione recentemente restaurata del capolavoro del 1965 LA DECIMA VITTIMA di Elio Petri, un surreale gioco tra assassini e vittime in una futuristica Roma, brillantemente recitato dagli indimenticati Ursula Andress e Marcello Mastroianni.

Ancora, grazie alla collaborazione con l’Unione Commercio e Turismo, sarà possibile vivere a pieno la notte di Tivoli visitando alcuni esercizi commerciali del centro che, straordinariamente, saranno aperti fino alle ore 24 di venerdì 21 e venerdì 28 luglio. Per tutta la durata della manifestazione, inoltre, i punti food aderenti all’iniziativa applicheranno il 10% di sconto su tutti i prodotti.

“I giardini e il chiostro di Villa d'Este si propongono eccezionalmente come spazi di nuove socialità, per inedite narrazioni e nuove sperimentazioni audiovisive” ha dichiarato Andrea BRUCIATI, storico dell’arte e direttore delle VILLÆ, durante la presentazione ufficiale dell’evento a Cannes. “Il nuovo progetto EXTRAVILLÆ intende così tracciare un percorso tra le meraviglie UNESCO, alla ricerca dell'originaria polisemia del concetto di bellezza, declinato secondo le diverse sensibilità proprie dell'Arte, offrendo così percorsi di un passato proteso al futuro, attraverso territori anche della mente, che incarnano e sostanziano l’evento”.

Tutte le proiezioni, gli incontri e gli eventi speciali di EXTRAVILLÆ avranno un prezzo speciale di soli 3,50 €, (tranne la festa inaugurale, con l’apertura straordinaria notturna dei giardini a 7,50€): un costo volutamente accessibile a tutti, pensato per poter permettere al pubblico interessato, soprattutto giovane, di godere appieno degli spettacoli di alta qualità e della bellezza della Villa.

I biglietti sono acquistabili in prevendita, sia sul sito di Coop Culture al link: www.coopculture.it/it/eventi/evento/extravillae-2023, che direttamente in biglietteria di Villa d’Este.

 EXTRAVILLÆ è prodotto dall’Istituto autonomo Villa Adriana e Villa d'Este VILLÆ, sostenuto dal Ministero della Cultura Direzione Cinema e dalla Roma Lazio Film Commission, patrocinato dal Comune di Tivoli ed organizzato dalla società Cineventi.

Scarica il programma:

Extravillae_programma

Variazioni del programma:

  • La proiezione del film  “Tutta la bellezza e il dolore” prevista mercoledì 19 luglio sarà recuperata lunedì 24 luglio alle ore  21.00.
  • 22 luglio La proiezione avrà inizio alle ore 21.00 e non alle ore 20.30. Il talk con Massimiliano Gallo  avrà luogo alla fine della proiezione.

 


lubec

IL MINISTERO DELLA CULTURA A LUBEC: INCONTRI, LABORATORI, STANZE IMMERSIVE

Il Ministero della Cultura parteciperà alla XVIII edizione di “LuBeC – Lucca Beni Culturali", la manifestazione dedicata allo sviluppo e alla conoscenza della filiera “cultura – innovazione”, che si svolgerà il 6 e il 7 ottobre al Real Collegio di Lucca.

Con la presenza di circa trenta Istituti e delle Direzioni generali, coordinati dal Servizio VI del Segretariato generale, il Ministero della cultura presenterà un corposo programma di incontri, laboratori pratici e uno spazio espositivo istituzionale.

L’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este – VILLÆ partecipa alla XVIII edizione di “LuBeC – Lucca Beni Culturali", nella sessione tematica “Le sfide del digitale dalla valorizzazione del patrimonio culturale all’interazione con i nuovi pubblici. Buone pratiche”, con un intervento a cura del direttore Andrea Bruciati, dal titolo “Le collezioni dell’Istituto Villa Adriana e Villad’EsteVILLÆ (Tivoli). Tutelare e valorizzare attraverso la modellazione tridimensionale”. 

In questo contesto, viene narrato il valore del patrimonio culturale, inteso nella sua accezione più ampia, sia esso analogico, digitalizzato o creato in digitale. Le VILLÆ stanno lanciando il progetto ATLAS, una mappatura del patrimonio di Villa Adriana presente nelle principali raccolte del mondo. Non si tratta solo di una ricerca iconografica, bibliografica o di un GIS, ma di una piattaforma trasversale che permetta alle istituzioni coinvolte di dialogare attivamente nella costruzione del sapere, riservando a Villa Adriana il ruolo di motore generatore di valori identitari condivisi.

Oggetto della comunicazione, inoltre, è il recente rilievo 3D modello texturizzato fotogrammetrico – High Resolution della monumentale statua in marmo pario, di oltre due metri di altezza, che rappresenta Vibia Sabina, realizzato dal Politecnico di Milano-ABCLabGICARUS, in occasione dell’esposizione dell’opera presso il Tempio di Adriano, curata dalla Camera di Commercio di Roma con l’Istituto e il Comando Carabinieri TPC. La scultura potrebbe essere stata realizzata dopo la morte dell’imperatrice, moglie di Adriano, nel 136 d.C. come suggeriscono l’idealizzazione dei tratti del volto e i confronti iconografici. Restituita al patrimonio italiano nel 2007 dal Museum of Fine Arts di Boston, attualmente è conservata presso i Mouseia di Villa Adriana.

"Le VILLÆ - commenta Andrea Bruciati - hanno avviato la documentazione delle collezioni con  attività dirette a migliorarne la conoscenza e la conservazione, a fini di tutela e valorizzazione, incrementandone la fruizione anche attraverso i nuovi strumenti digitali".

Per consultare il calendario completo degli appuntamenti del Ministero della cultura:  https://www.beniculturali.it/evento/lubec2022

Per partecipare è necessario iscriversi agli appuntamenti del MiC:

https://www.lubec.it/scheda-di-iscrizione-lubec-2022.html


Fumetti nei Musei protagonista della settimana della lingua italiana nel mondo

Oltre 66 mila copie distribuite nelle 200 sedi della rete estera
5 webinar e una serie di documentari sui mestieri del fumetto
Una mostra con le tavole originali al Santuario d’Ercole Vincitore di Villa d’Este a Tivoli

Il Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo partecipa alla XX Settimana della lingua italiana nel mondo con “Fumetti nei Musei”, l’iniziativa lanciata nel 2018 per raccontare ai giovani, attraverso un linguaggio immediato e accattivante, la ricchezza del patrimonio culturale italiano.

Il tema di questa edizione, “L’italiano tra parola e immagine: graffiti, illustrazioni, fumetti”, si coniuga perfettamente con i 51 albi della collana realizzata dal MiBACT in collaborazione con Coconino Press - Fandango e il sostegno di Ales spa. Le 51 storie disegnate da alcuni tra i migliori fumettisti italiani, che illustrano le collezioni d’arte di 51 musei e parchi archeologici statali, sono state ristampate per l’occasione in una tiratura speciale dell’intera collana: 1.300 copie di ogni albo per un totale di oltre 66 mila volumi distribuiti a oltre 200 sedi della rete estera della promozione internazionale della cultura italiana (82 Istituti Italiani di Cultura nel Mondo, 52 Scuole italiane all’estero e 70 tra Ambasciate e Consolati italiani all’estero) che disporranno così nelle proprie biblioteche di un prezioso materiale didattico per raccontare i musei italiani ai loro studenti.

Nel corso della Settimana della lingua italiana si terranno inoltre 5 webinar, ciascuno coordinato dal direttore del locale Istituto di Cultura, in cui gli autori dei fumetti dialogheranno con i direttori dei musei, con il seguente calendario: Il 20 ottobre Madrid, con ZUZU e Lorena Canottiere insieme al Direttore generale Musei e direttore del Parco archeologico di Pompei, Massimo Osanna; il 21 ottobre San Paolo del Brasile, con ALTAN e Sara Colaone insieme al direttore del Museo archeologico nazionale di Napoli, Paolo Giulierini; il 22 ottobre Abu Dhabi, con Ratigher, Antonio Pronostico e Fulvio Risuleo insieme alla direttrice della Galleria dell’Accademia di Firenze, Cecile Hollberg; il 23 ottobre New York, con Paolo Bacilleri e Luca Baldazzi insieme al direttore della Pinacoteca di Brera, James Bradburne; il 24 ottobre Tokyo, con LRNZ e il docente Paolo La Marca insieme a Cristiana Collu, direttrice della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea.

Sul canale YouTube del MiBACT è online “I mestieri del fumetto”, la serie di brevi documentari realizzata per l’occasione: quattordici interviste in sette episodi per la regia di Fulvio Risuleo, dedicati al confronto con la lingua italiana delle diverse professionalità delle strisce disegnate. Artiste e artisti, editor, disegnatori, colorist, traduttori fino a chi si occupa di lettering si confrontano su come la propria professione dialoghi con la lingua italiana.

Ad arricchire il programma di iniziative predisposte dal MiBACT in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, la mostra al Santuario di Ercole Vincitore di Villa d’Este a Tivoli dove, fino al 10 gennaio, sono esposti i 51 fumetti e alcune delle tavole originali custodite presso il Fondo Fumetti dell’Istituto Centrale per la Grafica.

“Alla vigilia dell’anno di Dante – dichiara il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini – questa iniziativa è un’ulteriore conferma della vitalità e della versatilità della lingua italiana. La collaborazione tra il MiBACT e il MAECI promuoverà nel mondo il patrimonio culturale e le collezioni dei musei italiani con un linguaggio innovativo offrendo al contempo un nuovo strumento di apprendimento alle centinaia di migliaia di persone che amano e studiano la nostra lingua“.

 

Info www.beniculturali.it/slim2020

Per maggiori informazioni sul progetto: www.fumettineimusei.it

Roma, 19 ottobre 2020
Ufficio Stampa MiBACT​


Ecce Homo: l’incontro fra il divino e l’umano per una diversa antropologia. Una introduzione

L’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este - Villae presenta Ecce Homo: l’incontro fra il divino e l’umano per una diversa antropologia. Una introduzione (Villa d’Este, 16 ottobre 2020 – 10 gennaio 2021). La mostra, curata da Andrea Bruciati, anticipa l’omonima esposizione, prevista per la primavera 2021, di cui rappresenta un’autonoma e compiuta sezione. L’evento è organizzato dal Centro Europeo per il Turismo e la Cultura di Roma, con il supporto di Regione Lazio, Lazio Crea e Università San Raffaele e con la sponsorizzazione di Acea S.p.a.

Le rappresentazioni dell’Ecce Homo e dei momenti salienti della passione di Cristo, esposte in questa introduzione, raccontano il dolore terreno del Figlio di Dio, dischiudendo al visitatore un intimo colloquio tra divino e umano evocato dal titolo della mostra. Questa prospettiva incarna il significato profondo e universale della passione di Cristo, consentendo di accostare ad essa differenti percorsi umani e artistici, trasversali alle epoche e alle sensibilità culturali. Tra le opere in mostra si annoverano pertanto il quattrocentesco Cristo in pietà sorretto dalla Madonna di Jacopo del Sellaio e Verrà la morte e avrà i tuoi occhi, dalla serie fotografica di Mario Giacomelli (1925-2000), in collezione privata, nonché, per gentile concessione dell’artista e della Galleria Alfonso Artiaco di Napoli, Uomoduomo di Anri Sala, premiato come giovane artista emergente alla Biennale di Venezia 2001, a significare la costante attualità della riflessione sulla fragilità della condizione umana.

“Questa esposizione” dichiara Andrea Bruciati, direttore delle Villae e curatore della mostra “si inserisce nelle celebrazioni per il centenario della nascita di papa Giovanni Paolo II. L’anteprima inizia a esplorare un tema di grande rilevanza, la tangibilità e la prossimità - quasi immanente - del divino, che sarà sviluppato in una editio maior della mostra con nuove suggestioni e diverso allestimento. I media di questa riflessione sono la pittura, il disegno, il video e la musica, che esprimono un approccio intimo e intenso, ancorché laico alla dimensione spirituale.”

 

 

Info:

Biglietto ordinario (con accesso al sito), fatte salve le gratuità e agevolazioni di legge consultabili sul sito web del MiBACT: € 12.00

Tariffa di prossimità al 50% rispetto al biglietto intero ordinario per tutti i residenti di Tivoli e dei comuni limitrofi (Castel Madama, Guidonia Montecelio, Marcellina, Palestrina, San Polo dei Cavalieri, San Gregorio da Sassola, Subiaco e Vicovaro): € 6,00

Tariffa sconto 2 euro Villae con voi sul biglietto intero ordinario dietro esibizione di scontrino fiscale di almeno 10 euro emesso da non più di 24 ore da esercizio convenzionato: € 10,00

Info: villaexhibitions@cultura.gov.it


Tricentenario della nascita di Piranesi: Tivoli ricorda il grande incisore del Settecento con i “percorsi piranesiani”

Domenica 4 ottobre sarà una giornata dedicata alla figura del grande artista Giovanni Battista Piranesi a 300 anni dalla sua nascita, avvenuta il 4 ottobre del 1720. Disegnatore, incisore, archeologo e architetto, il noto Giambattista Piranesi è nato a Mogliano Veneto nel 1720, diventando uno dei più importanti incisori del XVIII secolo. Tra le sue 135 incisioni delle “Vedute di Roma” ci sono anche quelle dedicate a Tivoli e a Villa Adriana: cartoline d’altri tempi, scorci di monumenti, panorami, angoli incisi con prospettive originali. Tivoli deve molto a Piranesi per aver contribuito a far conoscere le sue bellezze nel mondo di allora.

All’interno delle Scuderie domenica 4 ottobre alle 17 si terrà un incontro sulla figura di Piranesi dal titolo “Tivoli, città piranesiana”. L’evento - inserito programma del “Settembre tiburtino” – è organizzato dall’amministrazione comunale d’intesa con l'Istituto Villa Adriana e Villa d'Este e con la Soprintendenza, accogliendo un progetto della consigliera del sindaco per i musei civici, Maria Antonietta Tomei. Il progetto ripropone un “percorso piranesiano” a tappe sia dentro la città (con partenza da Villa d’Este) sia all’interno di Villa Adriana, che proprio nel 2020  festeggia il ventesimo anno d’iscrizione tra i siti patrimonio dell’Umanità.

All’incontro interverranno: il sindaco Giuseppe Proietti; la consigliera del sindaco incaricata per i musei Maria Antonietta Tomei, il direttore dell’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este Andrea Bruciati e la  soprintendente per l’Archeologia, le Belle arti e il Paesaggio per l’area metropolitana di Roma la provincia di Viterbo e l'Etruria meridionale Margherita Eichberg.

Il percorso all’interno di Tivoli toccherà tutti i monumenti disegnati da Giambattista Piranesi.

Per facilitare il collegamento tra le tappe di questa speciale passeggiata - che sino al tempio della Tosse si potrà fare a piedi – sono in corso di allestimento, in corrispondenza dei monumenti, 28 pannelli con le incisioni: si potrà così avere una visione diretta e aggiornata delle architetture piranesiane. Circa un terzo dei monumenti disegnati da Piranesi è scomparso, o è arrivato a noi gravemente modificato, circostanza che richiama l’importanza della sua attività di documentazione. Le vedute piranesiane di Tivoli documentano perfettamente com’erano i luoghi tre secoli fa, quei luoghi o monumenti che ancora oggi vediamo e, oltre a emozionare e a farne rivivere il fascino, permettono anche di valutare ciò che il tempo o l’attività dell’uomo hanno prodotto. Nel caso di Tivoli, il percorso mostrerà quale sia stato l’impegno della città e delle sue istituzioni per conservare i monumenti, o per restaurarli e valorizzarli nel loro contesto ambientale.

Le 28 incisioni originali realizzate da Piranesi (a cui si aggiunge la grande pianta di Villa Adriana) saranno esposti in una sezione della mostra sulle ville romane tiburtine di prossima preparazione all’interno del Musei di città e messe a disposizione da parte di Vincenzo Conti della Galleria 90.

Tivoli, 30 settembre 2020
Fonte: Ufficio Stampa Comune di Tivoli
comunicato stampa

 

Documenti da scaricare


Apincittà a Villa Adriana: restauro ambientale e biomonitoraggio. Un percorso condiviso

L’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este -Villae,  nell’ambito del  progetto Apincittà,  è lieta di ospitare il 3 ottobre alle ore 10.00, nel sito archeologico di Villa Adriana  un incontro a cura della FAI (Federazione Apicoltori Italiani), rappresentata dal presidente Raffaele Cirone. L’appuntamento prevede un approfondimento sul tema delle api a Villa Adriana, con un’escursione nel verde del parco archeologico.

Il progetto in cui l’incontro si inserisce, svolto in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri - Comando Carabinieri Forestali, ha la finalità di effettuare un restauro ambientale in un ecosistema ad elevata biodiversità vegetale, quale quello della villa imperiale, analizzando i prodotti delle api ai fini del biomonitoraggio.

Gli alveari, già collocati in una posizione strategica, defilata rispetto al flusso dei visitatori ma integrata con l’area archeologica di Villa Adriana e con le sue fioriture, hanno una funzione scientifica, considerato che il sito riveste uno straordinario interesse ed è ospitale per l’ape mellifera chiamata a delinearne l’inedita biodiversità delle specie vegetali, molte delle quali autoctone e spontanee.

In caso di avverse condizioni meteo, si prevede una presentazione in luogo riparato.

Ingresso secondo tariffazione ordinaria (eccetto gratuità e agevolazioni previste per legge). Incontro ad ingresso libero

 

Info: sabrina.pietrobono@cultura.gov.it; + 39 0774768085


Coronavirus, Mibact

È stata pubblicata ieri in Gazzetta ufficiale l’ordinanza del Ministero della Salute che sospende le domeniche gratuite al museo.

Il provvedimento è stato preso a seguito della segnalazione da parte del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo della necessità, in attuazione delle misure di riduzione e contenimento del rischio connesso all’emergenza sanitaria da COVID-19, di sospendere l’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso gratuito ai musei e agli altri istituti e luoghi della cultura la
prima domenica del mese.
L’ordinanza del Ministero della Salute è motivata in considerazione dell’evolversi della situazione epidemiologica a livello internazionale e il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia da COVID-19.

Roma, 27 settembre 2020

Fonte: Ufficio Stampa MiBACT

Comunicato stampa


Giornate Europee del Patrimonio 2020

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2020, dedicate al tema dell’educazione, l’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este - Villae propone una serie di attività distribuite nelle sue principali sedi.

Nella giornata di sabato 26 settembre, è prevista una apertura serale con biglietto d’ingresso al costo simbolico di 1 euro, per una visita straordinaria nel rispetto delle misure di prevenzione dal rischio di infezione da Covid-19:

Villa Adriana: 19.30 - 22.30

Villa d’Este: 19.45 - 22.45

Santuario di Ercole Vincitore: 19.30 - 22.30

La biglietteria chiude un’ora prima.

Il Santuario di Ercole Vincitore ha biglietteria on line al sito web coopculture e presso la biglietteria di Villa Adriana (Largo Marguerite Yourcenar, 1-Tivoli -RM)

Per le aperture diurne  di sabato 26 e domenica 27 settembre, verranno rispettati gli orari di apertura ordinari, con i consueti costi e le agevolazioni e gratuità previste per legge.

 

Villa Adriana

In occasione del ventennale dell’inserimento di Villa Adriana nel quadro dei beni UNESCO, è stata realizzata la mostra 60/20 Villa Adriana tra cinema e UNESCO, nell’edificio polifunzionale adiacente la biglietteria. L’attività propone un dialogo tra film e documentari girati nella villa e i luoghi che ne sono stati protagonisti.

Sabato 26 settembre, ore 10.30 e ore 12.00, appuntamento presso la biglietteria per una visita guidata alla mostra, che include un video con gli spezzoni di film girati tra i resti della residenza imperiale, scelta come set da produzioni italiane e estere.

Gli studenti che partecipano a questa prima fase del progetto di educazione al patrimonio, faranno in serata da “ciceroni” ad amici e familiari.

Sabato 26 settembre, ore 20.00, appuntamento al Plastico, visita guidata all’interno del sito, focalizzata sui settori della villa immortalati dalla pellicola cinematografica e sul significato e ruolo a questi attribuito dalla settima arte.

Info e prenotazioni: viviana.carbonara@cultura.gov.it; +39 0774 768085

Domenica 27 settembre, ore 15.30, visita guidata, Ho bisogno di grandi idee: Piranesi e la topografia classica. Nato il 4 Ottobre 1720 a Mogliano, presso Venezia, e morto a Roma il 9 novembre 1778, Giovan Battista Piranesi fu incisore e vedutista di fama internazionale, negli ultimi decenni al centro di estesi studi e approfondimenti critici. Nell'anno in cui si ricorda la sua nascita si intende puntualizzarne il ruolo, in qualità di “archeologo”, negli studi di topografia classica e sulla Roma antica. La visita ripercorrerà quindi le tappe della sua formazione culturale e artistica, con particolare riguardo a Roma e a Tivoli, soprattutto a Villa Adriana, tra il suo “sogno” del mondo antico e la realtà delle rovine in abbandono.

Info: sabrina.pietrobono@cultura.gov.it; +39 0774 768085

 

Villa d’Este

Sabato 26, ore 20.00 - Villae Film Festival

ore 20.00 Villa d’Este negli Archivi del Luce

ore 20.10 Incontro: introduce Andrea Bruciati; interviene il critico cinematografico Steve Della Casa ore 20.45 Proiezione del film Big Eyes di Tim Burton

Ingresso libero sino ad esaurimento posti

Prenotazioni: EVENTBRITE

Informazioni: ASSOCIAZIONE CULTURALE SEVEN (Stefania Bianchi + 39 3384679927)

villaefilmfestival@sevenassociazione.it

sito web istituzionale

 

Domenica 27, ore 11.00 e ore 15.30 – Attività per bambini e famiglie Storie di draghi e di mostri.

Un percorso inusuale e magico nelle sale del palazzo e tra le fontane alla ricerca di mostri da sgominare… L’attività prevede la visita tematica dedicata alle rappresentazioni di animali fantastici o mostruosi, da ritrovare sulle pareti affrescate del Palazzo o nascosti tra il verde e le acque del giardino. A seguire attività ludico-creativa con la realizzazione di maschere da portare via.

Info: +39 0774 312070

Prenotazioni (facoltative): va-ve.servizieducativi@cultura.gov.itmicaela.angle@cultura.gov.it

 

Santuario di Ercole Vincitore 

Sabato 26, ore 20.30 - Cinema e Musica

Paolo Spaccamonti e Ramon Moro, Vampyr – Progetto Portraits on Stage – Nel Cuore dell’Arte.

La musica si presenta con un evento speciale dedicato alla Settima Arte: la sonorizzazione dal vivo di un classico del muto, Vampyr, ad opera di Paolo Spaccamonti e Ramon Moro, una co-produzione del Museo Nazionale del Cinema di Torino e Pesaro Film Fest.

Spettacolo € 5,00. Bambini fino a 10 anni € 3,00 (Biglietteria all'ingresso del sito). Ingresso allo spettacolo per un max di 50 persone.

Domenica 27, ore 11.00 - Teatro

NTC e Mo-Wan Teatro, Modigliani – Progetto Portraits on Stage – Nel Cuore dell’Arte.

Nell’anniversario della morte del grande pittore, Michele Crestacci, toscano come l’artista, racconterà la vita di Modigliani filtrandola attraverso la sua vena particolarissima, divertente e al contempo poetica.

Domenica 27, ore 17.00 - Teatro

Settimo Cielo, Pasquarosa – Progetto Portraits on Stage – Nel Cuore dell’Arte.

Torna Settimo Cielo con Pasquarosa, spettacolo storico della compagnia, dedicato alla pittrice Pasquarosa Marcelli e al marito, il pittore Nino Bertoletti.

Biglietto di ingresso al Santuario:  biglietteria on line al sito coopculture e presso la biglietteria di Villa Adriana (Largo Marguerite Yourcenar, 1-Tivoli -RM)

Spettacolo € 5,00. Bambini fino a 10 anni € 3,00. Biglietto per vedere entrambi gli spettacoli € 6,00. (Biglietteria all'ingresso del sito). Ingresso allo spettacolo per un max di 50 persone.

 

Info: + 39 0774 330329

Prenotazioni e info: t.  333.2014272 / 331.8254599 / 392.0433339 / 3386602378

www.settimocielo.netorganizzazione@settimocielo.net

Progetto Portraits on Stage – Nel Cuore dell’Arte >> vai alla news del progetto

Villae Film Festival_ IIa edizione

Dal 16 al 27 settembre 2020 la città di Tivoli ospita, nei due siti dichiarati dall'UNESCO Patrimonio Mondiale dell'Umanità, Villa Adriana e Villa d’Este, la seconda edizione di Villae Film Festival, rassegna di film in cui l’ARTE, nelle sue molteplici possibilità espressive, è protagonista del racconto.

Evento unico nel panorama culturale italiano, il progetto è realizzato con il patrocinio e il sostegno del MiBACT e della Regione Lazio e organizzato dalle Villae, sotto la direzione artistica di Andrea Bruciati, storico dell’arte e direttore dell’Istituto di Villa Adriana e Villa d’Este, con la consulenza artistica e l'organizzazione dell'Associazione Culturale Seven.

Nella sua duplice articolazione a Villa d’Este e a Villa Adriana, Villae Film Festival è un viaggio alla scoperta del cinema che racconta l’Arte e del cinema che è esso stesso Arte. Al centro dell’evento, infatti, ci saranno film che raccontano artisti, opere e movimenti, che riflettono sui protagonisti, sulla storia e sulle idee dell’arte, ma, soprattutto, film di artisti che hanno sentito il bisogno di esprimere la loro creatività attraverso il cinema.

Con la seconda edizione del Villae Film Festival - commenta Andrea Bruciati -  intraprendiamo un nuovo racconto non convenzionale dei due siti UNESCO. Per la sua unicità, il suo legame con la straordinarietà degli ambienti e le peculiarità uniche di questi luoghi, il Festival rappresenta un’esperienza unica totale e immersiva. Vorrei sottolineare che le Villae non sono banali cornici al festival, ma racconti vivi, espressioni di un passato proteso al futuro: territori anche della mente che incarnano e sostanziano l’evento”.

Tutte le giornate si aprono alle ore 20.00 con i filmati d’archivio dell’Istituto Luce dedicati alle due ville e alle 20.10 con l’incontro che precede la proiezione del film del giorno, con ospiti registi, attori, produttori sempre introdotti dal direttore artistico Andrea Bruciati.

Due luoghi per due programmi e tipologie di proiezioni.

Nella cornice del Pecile di Villa Adriana, dal 16 al 19 settembre, saranno proiettati film che, almeno in parte, vi sono stati girati. Tra i film proiettati, uno a sera, Titus di Julie Taymor, che sarà presentato, mercoledì 16 settembre, dalla produttrice Conchita Airoldi. Tratto da Titus Andronicus, la prima tragedia scritta da Shakespeare, il film, interpretato da Alan Cumming, Jessica Lange e Anthony Hopkins, narra le vicende del generale romano il cui nome dà il titolo all’opera. La sua vittoria e la conseguente cattura della regina dei Goti Tamora è motivo di una serie infinita di vendette la cui crudeltà giunge a livelli di parossismo difficilmente immaginabili e che porteranno all’annientamento di tutti i personaggi coinvolti. Giovedì 17 settembre il regista Marco Bellocchio e l’attore Pier Giorgio Bellocchio presentano La Balia. Partendo dalla novella di Luigi Pirandello, il film, che annovera un cast eccezionale composto da Maya Sansa, Fabrizio Bentivoglio, Valeria Bruni Tedeschi, Michele Placido, Elda Alvigini, Pier Giorgio Bellocchio ed Eleonora Danco, racconta la vicenda di una coppia dell’alta borghesia della Roma umbertina alla nascita del primo figlio. Tra la madre e il bambino non sembra svilupparsi alcun rapporto, al punto che è necessario rivolgersi a una balia, al cui seno, diversamente che a quello della madre, il piccolo si attacca. Questo fatto, inevitabilmente, modifica i rapporti tra i protagonisti, innescando gelosie e ripensamenti. A rendere più difficili le cose giunge poi il comportamento di Annetta, il cui marito è in carcere per motivi politici, la quale ogni giorno si assenta per un breve lasso di tempo senza dare spiegazioni. Il distributore Mario Mazzarotto presenta, venerdì 18 settembre, Notizie degli scavi, di Emidio Greco, che sarà proiettato con audiodescrizione e sottotitoli, a cura di Artis Project, in collaborazione con la doppiatrice Laura Giordani. Interpretato da Giuseppe Battiston, Ambra Angiolini e Iaia Forte, il film racconta di un “Professore” che vive in una casa di appuntamenti facendo quei piccoli lavori che, utili alla conduzione della casa, sono compatibili con il suo ritardo mentale. Un giorno, per soddisfare il favore chiestogli da una conoscente, si reca in ospedale a trovare una donna che, in passato, ha lavorato come prostituta all’interno della casa. L’incontro si rivelerà fondamentale per entrambi e fondamentale sarà il sito della bellissima Villa dell’Imperatore Adriano, da cui emerge l’immagine di un passato che, pur non mantenendo il fulgore di un tempo, conserva un’irresistibile bellezza.

Dal 20 al 27 settembre la location delle proiezioni si sposta nella suggestiva atmosfera del Gran Viale di Villa d’Este: qui saranno proiettati film i cui registi sono anche artisti rappresentati da importanti gallerie d’arte e le cui opere fanno parte di importanti Musei di tutto il mondo o che si sono distinti in un ambito artistico diverso dal cinema. Tra i film qui proiettati, uno a sera, Il racconto dei racconti, che sarà presentato, domenica 20 settembre, dal regista Matteo Garrone in un dibattito con la giornalista cinematografica Anna Maria Piacentini. Il film è la trasposizione cinematografica di tre novelle da Lo cunto de li cunti, raccolta di fiabe di Giambattista Basile pubblicata nei primi decenni del Seicento. La cerva, La pulce e Le due vecchie sono i titoli dei racconti che compongono la trama di un film che si muove tra animali fantastici, ambientazioni straordinarie, passioni e pulsioni che traggono origine dai bisogni primordiali dell’essere umano. Eterna giovinezza, amore fraterno, violenze, costrizioni, pentimenti, magia, desiderio e morte per un film di immagini potenti e indimenticabili, con un cast internazionale che unisce Salma Hayek, Vincent Cassel, John C. Reilly, Christian Lees, Jonah Lees, Alba Rorhwacher e Massimo Ceccherini. Lunedì 21 settembre il critico cinematografico Federico Pontiggia animerà il dibattito con il distributore Gianluca Curti, per la proiezione di Lonesome Cowboys, diretto nel 1968 da Andy Warhol e un non accreditato Paul Morissey, una rivisitazione ironica del genere western, nella storia di un gruppo di scanzonati e teneri cowboy che giunge in un paese sperduto dell’Arizona. Qui trovano uno sceriffo che per divertirsi e divertire i presenti non esiterà a travestirsi da squaw e l’affascinante Ramona, la tenutaria del bordello, con cui trascorrono piacevoli momenti. Un tono ironico e tenero, relazioni gay e non, per raccontare le avventure di un gruppo di giovani e la loro vita. Un linguaggio che demolisce i canoni del cinema tradizionale del tempo e un’atmosfera che smitizza il genere cinematografico del western. Pur avendo operato un restauro digitale del film, gli editori hanno scelto di lasciare quelle particolarità visive e sonore insite nel negativo originale che sono testimonianze dell’estetica pauperistica del cinema di Andy Warhol. Chiude la rassegna La Ricotta, dal film a episodi Ro.Go.Pa.GPier Paolo Pasolini dirige Orson Welles, Mario Cipriani, Edmonda Aldini e Laura Betti in una storia ambientata alla periferia di Roma. Qui si sta girando un film sulla Passione di Cristo in stile manierista. La comparsa Stracci, che vive nelle borgate della città, durante la pausa porta il proprio cestino del pranzo ai familiari, riuscendo poi, con un travestimento, a farsene dare un altro per sé. Il cagnolino della diva protagonista, però, glielo divora. Si ricominciano le riprese. Stracci, affamato, interpreta il Ladrone Buono: per esigenze di scena deve essere crocifisso. Solo dopo tanti ciak riuscirà a procurarsi un po’ di ricotta. Ma la sua fame atavica avrà conseguenze terribili.

Villae Film Festival è un’iniziativa realizzata dall’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este - Villae con il patrocinio e il sostegno del MiBACT - Direzione generale Cinema e Audiovisivo e di Regione Lazio, con il patrocinio del Comune di Tivoli e con la collaborazione di Istituto Luce Cinecittà, della Tibur Film Commission, della Roma Lazio Film Commission, della Artis Project e della Associazione Red Shoes.

Il Direttore artistico

 

Andrea Bruciati, direttore delle Villae

Storico dell’arte, ha all’attivo numerosi progetti curatoriali e collabora con riviste di settore. Ha diretto la Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone dal 2002 al 2012 e, grazie a quest’esperienza, a quella di direttore artistico della fiera ArtVerona dal 2014 al 2016 e della Biennale di Giovani creativi dell’Europa 2015 (BJCEM 2015), è identificato come un promotore della ricerca contemporanea emergente.

Dal 2017 è alla guida dell’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este a Tivoli. In qualità di direttore, oltre al Villae Film Festival ha promosso le mostre E dimmi che non vuoi morire. Il mito di Niobe (Santuario di Ercole Vincitore, 6 luglio - 24 settembre 2018), Le carte di Ferenc (Villa d'Este, 17 dicembre 2018 – 17 febbraio 2019), Eva vs Eva. La duplice valenza del femminile nell’immaginario occidentale (Villa d’Este e Santuario di Ercole Vincitore, 10 maggio – 3 novembre 2019); Après le déluge. Viaggio tra opere riemerse e misconosciute (Villa d’Este e Santuario di Ercole Vincitore, in corso) e 60/20: Villa Adriana tra cinema e UNESCO (Villa Adriana, in corso).

 

Ingresso libero fino a esaurimento posti (solo per le proiezioni; l’accesso alla Villa è sottoposto a tariffazione ordinaria)

prenotazione su https://www.eventbrite.it/o/villae-film-festival-27650762871

Programma film: www.sevenassociazione.it/villae-film-festival

Documenti da scaricare


Vigne del cartinale

Le vigne del cardinale_Passeggiata “narrata”

L’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este – Villae organizza sabato 12 Settembre 2020 una passeggiata "narrata " con partenza alle 18.30 dall'area verde dei Votani nel Santuario di Ercole Vincitore, attraversamento della Strada degli Orti e arrivo negli Orti Estensi di Villa d'Este.

La passeggiata si pone in continuità con gli eventi organizzati nel 2018 e nel 2019 dall’Istituto per celebrare il pizzutello, celeberrima uva da tavola, che si colloca tra le eccellenze del territorio tiburtino.  Oggetto del racconto sono le origini della coltivazione a Tivoli, negli Orti Estensi e nell'area dei Votani. Le Villae proseguono pertanto la serie degli appuntamenti e delle iniziative mirate alla valorizzazione del paesaggio agricolo tradizionale, allo sviluppo sostenibile e alla promozione delle specificità territoriali.

Biglietto intero ordinario con mostra Après le déluge € 6,00 (fatte salve agevolazioni e riduzioni di legge).

Tariffa di prossimità al 50% rispetto al biglietto intero ordinario per tutti i residenti di Tivoli e dei comuni confinanti (Castel Madama, Guidonia Montecelio, Marcellina, San Polo dei Cavalieri, San Gregorio da Sassola, Vicovaro; Palestrina e Subiaco): € 3,00

Tariffa sconto 2 euro Villae con voi sul biglietto intero ordinario dietro esibizione di scontrino fiscale di almeno 10 euro emesso da non più di 24 ore da esercizio convenzionato: € 4,00

 

Biglietteria esclusivamente online su coopculture.it

Info: +39 0774 330329


Petra Feriancová, FABVLAE - mostra

presso: Villa d'Este e Santuario di Ercole Vincitore
18 luglio - 13 settembre - Prorogata fino al 4 ottobre 2020

 

 

Le Villae sono liete di presentare FABVLAE, la mostra personale di Petra Feriancová (1977 Bratislava, Slovacchia) nella duplice sede di Villa d’Este e del Santuario di Ercole Vincitore a Tivoli. Il progetto è stato realizzato grazie al supporto dello Slovak Arts Council.

Nell’ambito di Level 0 – Art Verona, importante occasione di collaborazione tra musei e artisti contemporanei, il direttore delle VillaeAndrea Bruciati, ha guardato al lavoro dell’artista Petra Feriancová, rappresentata dalla Galleria Gilda Lavia di Roma, per sviluppare un racconto dei siti tiburtini inedito nella poetica e nel vocabolario, eppure coerente con lo spirito dei luoghi.

L’analisi di Villa d’Este e del Santuario di Ercole Vincitore da parte di Petra Feriancová ha infatti origine dall’osservazione delle celebri incisioni di Giovan Battista Piranesi (1720-1778) raffiguranti le rovine tiburtine. In quelle rappresentazioni che con sensibilità preromantica mostrano la decadenza della bellezza antica, l’artista concepisce non scenari post-apocalittici ma immagini di sopravvivenza.

Nella visione delle rovine, Petra Feriancová sceglie di concentrarsi non sulla desolazione suggerita dagli animali domestici, vaganti senza il loro pastore, o dal crescere incontrastato della vegetazione tra le mura un tempo vigorose, ma sulla capacità di evoluzione e adattamento della natura e sull’invincibilità della vita rispetto alla singola esistenza.

Petra Feriancová conduce il visitatore ad analizzare le convinzioni umane, attraverso l’affascinante dispiegarsi dei fenomeni naturali e l’incessante commistione di scenari naturali e antropici. Forme, immagini e vestigia del passato sono accolti nella piena consapevolezza che il loro significato originario si è da tempo degradato o disintegrato, modificando e riempiendo le cose di significati altri. L'alienazione del significato "originale" produce una nuova versione del mondo, che può essere dischiusa agli altri e “socializzata” sotto forma di epifania o rivelazione senza essere totalmente trasposta in una spiegazione.

“Nuove possibilità creative – ha affermato Andrea Bruciati - maturano nel fertile humus delle Villae, istituto in cui convergono esperienze diverse e che sta costruendo una nuova identità visiva e culturale, radicata nel passato, ma attenta al presente e decisamente proiettata nel futuro. Ho scelto il lavoro di Petra Feriancová per la sua attenzione alla catalogazione e alla memoria individuale che si deposita nell’immaginario collettivo. Tali aspetti risultano coerenti con la stratificazione culturale che connota la natura delle Villae di Tivoli”.

Ingresso secondo tariffazione ordinaria (eccetto gratuità e agevolazioni previste per legge)

Petra Feriancová,FABVLAE
Villa d’Este - Santuario di Ercole Vincitore, Tivoli
18 luglio - 13 settembre - Prorogata fino al 4 ottobre 2020
Ente organizzatore Istituto Villa Adriana e Villa d’Este - Villae
in collaborazione con Galleria Gilda Lavia, nell’ambito del format Level 0, ArtVerona 2019
a cura di Andrea Bruciati

 

Info:
https://www.gildalavia.com/artisti/petra-feriancova
villaexhibitions@cultura.gov.it

 

Documenti da scaricare